22 gennaio

(di Rev. Shenan J. Boquet).

Gli americani conoscono bene la data. O almeno dovrebbero. Il 22 gennaio 1973.

Venerdì scorso (22 gennaio 2016) abbiamo commemorato la decisione più tragica e dannosa mai pronunciata dalla Corte Suprema degli Stati Uniti. La sentenza Roe vs Wade ha trasformato per sempre il panorama del codice morale della nostra nazione. Purtroppo, stavamo già percorrendo un pericoloso cammino verso il basso, ma questo giudizio atroce da parte della più alta corte del nostro Paese, ha accelerato la discesa.
Da quel momento, il valore della vita è stato gravemente svilito da quelle stesse istituzioni fondate per preservare “VITA, libertà e ricerca della felicità” per tutti, non solo per colui che è “voluto”.
Ma, c’è ancora speranza. E, voi rappresentate la speranza per molti che stanno combattendo ancora in prima linea, cercando di arginare la marea di questa cultura di morte.

I nostri missionari pro-life e pro-famiglia sono alcuni dei più devoti e appassionati sostenitori della vita e della famiglia che io abbia mai avuto il piacere di conoscere. Il loro zelo e la loro determinazione si fanno sentire nell’impegno che mettono nell’esporre alle persone gli effetti nocivi dell’aborto, nel fornire formazione e assistenza riguardo la pianificazione familiare secondo gli insegnamenti della dottrina cattolica, e nella divulgazione coraggiosa dei pericoli e del male della contraccezione.
Venerdì ho marciato affianco ad alcuni dei nostri missionari pro-life e pro-famiglia alla annuale March for Life al centro di Washington, DC. Siamo stati braccio a braccio con molti altri guerrieri nella lotta pro-vita.
Mostra a International Planned Parenthood Federation che non andremo mai via! Noi continueremo a difendere la sacralità della vita umana.
Non commettere errori a riguardo. Siamo impegnati in una battaglia decisiva sulla dignità della vita e noi siamo nel giusto.

Il Salmo 139 proclama, ” Sei Tu che hai creato le mie viscere e mi hai tessuto nel seno di mia madre…. “.
Ogni persona ha una dignità inalienabile ed è stata creata per uno scopo. Dio ha ordinato il nostro cammino. Tragicamente troppi dei nostri fratelli non realizzeranno quel percorso perché Satana è ancora al lavoro in mezzo a noi attraverso i suoi compagni nella cultura della morte.
Unisciti a me in questa battaglia. Noi non possiamo farla senza di te.

Durante il tempo che ci è voluto per scrivervi questo breve testo, più di 1.000 bambini sono morti per mano degli abortisti all’interno dei confini americani. Altri 50.000 sono stati abortiti in tutto il mondo.

Noi non dobbiamo scoraggiarci di fronte a queste politiche, e non lo faremo, e ci impegniamo a non dimenticare mai quelle anime innocenti così violentemente spente. Quindi vi ringraziamo ancora per il vostro sostegno e le preghiere a favore del lavoro di Human Life International nel portare il Vangelo della Vita in ogni angolo del mondo.
Prego che la pace e la vicinanza di nostro Signore Gesù Cristo continui a rimanere presso te e la tua famiglia.

facebooktwittermail

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *