Rifiutare l’eugenetica ed edificare al suo posto una civiltà dell’amore

Di Don Shenan J. Boquet  (Originale in Inglese: www.hli.org

“Ogni bambino che si annuncia nel grembo di una donna è un dono, che cambia la storia di una famiglia: di un padre e di una madre, dei nonni e dei fratellini. E questo bimbo ha bisogno di essere accolto, amato e curato. Sempre!”

─ Papa Francesco, Giornata Mondiale delle Persone con Sindrome di Down, 2021

Nel 2014, al famoso scienziato e ateo militante Richard Dawkins è stato chiesto da una donna su Twitter cosa avrebbe dovuto fare se dovesse scoprire di essere incinta di un bambino con la sindrome di Down. Dawkins è noto per il suo stile schietto. La sua risposta è stata incredibilmente caustica e disumana. “Abortire e riprovare”, ha risposto. “Sarebbe immorale metterlo al mondo se puoi scegliere”.

Nonostante la reazione decisa degli attivisti pro-vita e dei diritti dei disabili, Dawkins non si è mai scusato né ha cancellato quel tweet. E ora sappiamo perché.

In un’intervista di qualche giorno fa, il conduttore radiofonico irlandese Brendan O’Connor, che è egli stesso padre di una figlia con la sindrome di Down, ha sfidato Dawkins sulla sua dichiarazione del 2014. Due cose sono degne di nota nello scambio. In primo luogo, Dawkins ha effettivamente confermato la sua affermazione che un bambino con la sindrome di Down dovrebbe essere abortito (anche se ha blaterato sulla questione se sia o meno “immorale” non abortire un bambino con la sindrome di Down). E in secondo luogo, lo scambio ha messo in luce sia l’inquietante ignoranza che motiva la posizione di Dawkins, sia l’altrettanto inquietante superficialità della sua visione morale del mondo.

O’Connor ha iniziato sottolineando che non voleva che la discussione fosse personale, e che la questione di sua figlia doveva essere messa da parte. Poi ha chiesto a Dawkins: “Come mai pensa che sia immorale mettere al mondo qualcuno con la sindrome di Down?”

“Penso che una volta che si ha un bambino con la sindrome di Down, lo si ama, lo si cura, tutti lo fanno, questo è noto”, ha risposto Dawkins. “Non lo negherei nemmeno per un momento. Ma prima che nasca, la maggior parte delle persone che fa un’amniocentesi e a cui viene diagnosticata la sindrome di Down, di fatto abortisce”.

O’Connor ha risposto riconoscendo che, sì, statisticamente parlando è vero che la maggior parte delle persone abortisce un bambino con diagnosi di Down. Tuttavia, ha incalzato Dawkins di nuovo: “Perché è immorale non abortire?”

“Beh, probabilmente questa era un’affermazione un po’ troppo forte”, ha ammesso Dawkins. “Ma dato che la quantità di sofferenza nel mondo probabilmente non diminuisce – probabilmente aumenta – rispetto all’avere un altro bambino che non ha la sindrome di Down, allora è questo che intendevo”.

O’Connor ha continuato a incalzare, chiedendo: “Come fa a sapere che mettere al mondo un bambino con la sindrome di Down aumenta la quantità di sofferenza nel mondo?”

A questo, Dawkins semplicemente non ha dato risposta. “Mi sembra plausibile che … se un bambino ha qualche tipo di disabilità, allora probabilmente si aumenterebbe di più la quantità di felicità nel mondo avendo invece un altro bambino”, ha affermato.

Questa, devo dire, è una risposta sorprendente. Dawkins ha detto pubblicamente alle madri di tutto il mondo che sarebbero state delle cattive persone se non avessero abortito un bambino con la sindrome di Down. Questo è ciò che significa quando dice che non abortire un bambino con la sindrome di Down è “immorale”. Come uno dei più importanti intellettuali pubblici del mondo, le parole di Dawkins hanno un peso immenso. È molto probabile che il suo suggerimento che le madri che danno alla luce un bambino con la sindrome di Down siano cattive madri abbia influenzato alcune donne ad abortire i loro figli.

Eppure, l’unica ragione che Dawkins può dare per la sua posizione, è che “sembra… plausibile” per lui che se un bambino è disabile, allora questo in qualche modo ridurrà la quantità di “felicità” nel mondo!

Felicità e sindrome di Down

È difficile anche solo sapere come rispondere a una tale ignoranza.

Per cominciare, se Dawkins si fosse mai preso solo qualche minuto per parlare con persone che hanno effettivamente la sindrome di Down, o con chi si prende cura di loro, avrebbe senza dubbio imparato rapidamente quanto sia in errore. Non solo la sindrome di Down e la felicità non sono incompatibili, ma c’è un buon argomento per sostenere che è vero l’esatto contrario.

Il fatto è che le persone con la sindrome di Down si classificano costantemente tra le persone più felici della terra! Anche chi si prende cura di loro, pur riconoscendo le sfide associate alla cura di qualcuno con la malattia, dice costantemente che le loro vite sono state arricchite dall’avere un figlio con la sindrome di Down.

In una lettera aperta dopo il commento di Dawkins del 2014, il giornalista cattolico J.D. Flynn, che ha due figli con la sindrome di Down, ha invitato Dawkins a venire a cena con la sua famiglia.

“Ho due bambini con la sindrome di Down”, ha scritto Flynn.

“Sono stati adottati. I loro genitori naturali hanno affrontato la scelta di abortire e non l’hanno fatto. Invece, i bambini sono venuti a vivere con noi. Sono bambini deliziosi. Sono belli. Sono felici. Uno è sopravvissuto al cancro, due volte. Ho scoperto che in ospedale, mentre lei si sottoponeva alla chemioterapia e noi soffrivamo per l’angoscia e la stanchezza, nostra figlia Pia era più concentrata a fare amicizia con le infermiere e a rubare gli stetoscopi. I miei figli soffrono ma nel contesto di una gioia incontenibile”.

“Mi chiedo, se tu avessi passato del tempo con loro, se la penseresti allo stesso modo sulla sofferenza, sulla felicità, sulla dignità della persona. Mi chiedo, se avessi ballato con loro in cucina, se penseresti che l’aborto è nel loro interesse. Mi chiedo, se avessi giocato, o condiviso una barzelletta con loro, se troveresti qualche valore nella loro esistenza”.

Flynn ha concluso la sua bella lettera dicendo: “Non voglio che tu venga per un dibattito. Non voglio condannarti. Voglio che tu sperimenti la gioia dei bambini con la sindrome di Down. Voglio che anche il tuo cuore sia mosso alla gioia”.

L’esperienza della famiglia Flynn non è insolita, è tipica. In uno studio, ben il 99% di coloro che vivono con la sindrome di Down hanno detto di essere “felici” della loro vita. Un altro studio ha scoperto che il 99% dei genitori di bambini con la sindrome di Down ha detto di amare il proprio figlio, e il 97% ha detto di “essere orgoglioso di loro”. E, cosa più significativa, il 79% “sentiva che la loro visione della vita era più positiva” a causa del loro bambino. (enfasi aggiunta)

Si suppone che Dawkins sia un grande scienziato. E si suppone che i grandi scienziati sappiano che prima di fare qualche affermazione, si dovrebbero prima cercare le prove empiriche per sostenere tale affermazione. Dawkins, tuttavia, non si è mai preoccupato di indagare effettivamente se sia vero o meno che la sindrome di Down riduce in qualche modo la quantità di felicità nel mondo. Eppure, questo non gli ha impedito di sostenere l’eliminazione in massa e sistematica delle persone con la sindrome di Down.

Dawkins e la nuova eugenetica

Tuttavia, i problemi con le sue dichiarazioni vanno molto più in profondità anche di questo. Molto più in profondità.

Dawkins dà chiaramente per scontato che se qualcosa diminuisse la quantità di “felicità” nel mondo, allora quella cosa dovrebbe essere eliminata – anche se quella cosa dovesse essere un bambino non ancora nato. Questo è il classico “utilitarismo” – una filosofia morale che misura il valore morale di un’azione dal fatto che quell’azione sia utile o meno per produrre qualche fine pratico: in questo caso, aumentare la felicità.

L’utilitarismo è una filosofia morale attraente per le persone che non hanno una metafisica solida, o che ritengono che le uniche cose che sono reali o che contano siano le cose che possono toccare e vedere. Persone, cioè, come Richard Dawkins.


Jérôme Jean Louis Marie Lejeune, genetista e pediatra francese, scopritore della causa della sindrome di Down, primo presidente della Pontificia Accademia per la Vita.

Dawkins è un brillante scienziato, ma un pessimo filosofo morale. Non penso che si sia proposto di sostenere idee morali mostruose. Ma nel suo disprezzo per la religione e la tradizione, insieme alla sua ingenua mitizzazione della “scienza”, è finito in quel vecchio rifugio per élite molto istruite – l’eugenetica.

In un discorso del 2009 alla Pontificia Accademia per la Vita, Papa Benedetto XVI ha messo in guardia contro il sorgere di una “nuova eugenetica”. Questa “nuova mentalità”, ha detto, piuttosto che prendere di mira le persone in base alla razza o alla classe, come faceva la vecchia eugenetica, tende a “privilegiare le capacità operative, l’efficienza, la perfezione e la bellezza fisica a detrimento di altre dimensioni dell’esistenza non ritenute degne”.

Ha aggiunto: “Viene così indebolito il rispetto che è dovuto a ogni essere umano, anche in presenza di un difetto nel suo sviluppo o di una malattia genetica che potrà manifestarsi nel corso della sua vita, e sono penalizzati fin dal concepimento quei figli la cui vita è giudicata come non degna di essere vissuta”.

Una “cultura dell’accettazione” e una “civiltà dell’amore”

Chiaramente, le dichiarazioni di Dawkins sulla sindrome di Down sono tipiche di questa nuova eugenetica. Papa Benedetto XVI, tuttavia, è andato avanti identificando l’errore sostanziale di questa filosofia perniciosa, e ha delineato una giusta replica ad essa:

“Ciò che si deve ribadire con forza è l’uguale dignità di ogni essere umano… Lo sviluppo biologico, psichico, culturale o lo stato di salute non possono mai diventare un elemento discriminante. È necessario, al contrario, consolidare la cultura dell’accoglienza e dell’amore che testimoniano concretamente la solidarietà verso chi soffre, abbattendo le barriere che spesso la società erige discriminando chi è disabile e affetto da patologie, o peggio giungendo alla selezione ed al rifiuto della vita in nome di un ideale astratto di salute e di perfezione fisica”.  (Discorso del Santo Padre Benedetto XVI ai Partecipanti alla XV Assemblea Ordinaria della Pontificia Accademia per la Vita, 2009)   

In altre parole, piuttosto che un utilitarismo superficiale che sarà inevitabilmente usato per giustificare atrocità in nome di qualche modello di “utilità” – un modello che la storia mostra essere arbitrariamente deciso da qualche gruppo di potenti élite a spese dei più deboli e vulnerabili dobbiamo riconquistare e difendere con forza il concetto biblico della dignità della persona umana. Di tutte le persone umane. Indipendentemente dalla loro “utilità”. Indipendentemente dalla loro “felicità”. Indipendentemente da qualsiasi altra considerazione che non sia il fatto che sono esseri umani – fatti a immagine e somiglianza di Dio – con un valore incomparabile.

Piuttosto che vagliare gli esseri umani, decidendo chi è “degno” e chi no, dobbiamo semplicemente amare gli esseri umani. Amarli come Dio Padre ci ama – disinteressatamente, incondizionatamente, senza calcoli, senza chiedere nulla in cambio. Semplicemente perché questa è la cosa giusta – non la cosa “utile” – da fare; perché c’è un modello oggettivo più alto di noi, una legge che non può essere vista o misurata, ma che è molto reale, che trascende la nostra meschina e gretta miopia.

La gioia e la dignità della persona umana

L’ironia è che mentre l’eugenetica utilitaristica altamente razionalista e “scientifica” ha prodotto alcune delle più grandi sofferenze e delle più grandi atrocità nella storia del mondo, l’“irrazionale” fede giudeo-cristiana nella dignità della persona umana ha anche l’effetto “utilitaristico” di incrementare la felicità. Non perché la felicità sia la cosa che si cerca, ma perché Dio ha ordinato così la sua creazione in modo che seguire la sua legge non solo conduce alla felicità eterna nella prossima vita, ma tende anche a portare ordine e armonia e pace in questo mondo.

Questo è dimostrato con forza nella vita di quelle persone che hanno gratuitamente accolto e festeggiato la vita di persone con le stesse disabilità che Dawkins vede con tanto sospetto e paura. Persone come la famiglia Flynn di cui sopra. O come la famiglia McGarrity, che non solo ha un figlio con la sindrome di Down, ma la cui esperienza con il loro figlio è stata così positiva che hanno adottato altri tre bambini con la sindrome di Down!

I McGarrity ammettono che la vita con quattro figli con la sindrome di Down (oltre ad altri quattro figli senza la sindrome di Down) può essere difficile a volte. Eppure, dicono, ogni difficoltà porta con sé un valore. “Ogni giorno è una nuova sfida e un’avventura”, dice Jeff, il padre di famiglia. “Guardo la nostra famiglia, guardo i ragazzi più grandi prendersi cura di quelli più piccoli e penso a me stesso: «Che benedizione»”.

Questo è un esempio concreto e vivente di ciò di cui parlava Papa Benedetto XVI quando sottolineava la creazione di una “cultura dell’accettazione”. Papa San Giovanni Paolo II, da parte sua, ha parlato spesso di una “civiltà dell’amore”. Come scrisse nella sua Lettera alle famiglie

“Vero amore, tuttavia, non c’è senza la consapevolezza che Dio «è Amore» – e che l’uomo è l’unica creatura in terra chiamata da Dio all’esistenza «per se stessa». L’uomo creato ad immagine e somiglianza di Dio non può «ritrovarsi pienamente» se non attraverso il dono sincero di sé. Senza un tale concetto dell’uomo, della persona e della «comunione di persone» nella famiglia, non ci può essere la civiltà dell’amore; reciprocamente, senza la civiltà dell’amore è impossibile un tale concetto di persona e di comunione di persone”. (Lettera di Giovanni Paolo II alle Famiglie Gratissimam Sane, n. 13)  

“La civiltà dell’amore”, ha aggiunto il papa santo, “richiama la gioia” di fronte alla nuova vita: “gioia, tra l’altro, perché un uomo viene al mondo (cfr. Gv. 16, 21) e, conseguentemente, perché i coniugi diventano genitori. Civiltà dell’amore significa «compiacersi della verità» (cfr. 1 Cor. 13, 6). Ma una civiltà, ispirata ad una mentalità consumistica ed antinatalista, non è e non può essere mai una civiltà dell’amore”. (Lettera di Giovanni Paolo II alle Famiglie Gratissimam Sane, n. 13)

La gioia è una forma di felicità, ma è più profonda della felicità. La felicità è volubile e fugace. Di fronte alle avversità, la felicità può fuggire, ma la gioia può rimanere. Il freddo utilitarismo di Richard Dawkins, banalmente, non ha spazio per il tipo di amore disinteressato e la gioia incarnata dalle famiglie McGarrity e Flynn. Spero che vi unirete a me nel pregare per la sua conversione del cuore (e per tutti coloro che condividono la sua visione). La mia preghiera è che un giorno, presto, userà la sua considerevole pubblica visibilità per difendere i disabili, i non nati e la dignità di tutte le persone. Questa è un’intenzione per cui vale la pena pregare!

Facebooktwittermail

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *