“Petizione sui contraccettivi ormonali”: i veri effetti del controllo delle nascite con i metodi contraccettivi ormonali

Di Susan Ciancio  (Originale in Inglese: www.hli.org)

Tumore al seno. Tumore al collo dell’utero. Depressione. Disturbi dell’umore. Suicidio. Sclerosi multipla. Colite ulcerosa. Tromboembolia venosa. Malattia infiammatoria intestinale. Lupus eritematoso sistemico. Cistite. Morbo di Crohn. Conseguenze urogenitali. Effetti cardiovascolari. Maggiori possibilità di trasmissione dell’HIV.

Il tuo dottore ha ripetuto velocemente quelle parole come se stesse facendo l’appello in una classe. Ma ognuna di esse ti ha fatto spaventare sempre un po’ di più. Avresti potuto persino percepire che i tuoi occhi si sbarravano sempre di più allo scorrere dell’elenco. Gli effetti collaterali: per un farmaco di cui non hai nemmeno bisogno, per un farmaco non concepito per curare una malattia. Lo guardi dubbiosa, come se, forse, stesse scherzando. Questi non possono essere tutti effetti collaterali di un farmaco, pensi. Ma l’espressione del suo viso ti dice che non sta scherzando. In effetti, è molto serio. E fortunatamente per te, si prende abbastanza cura di te da dirti cosa potrebbe accadere se ti prescrivesse il farmaco che stai chiedendo. Inizi a pensare a te stessa: non voglio fare questo al mio corpo. Ci tengo troppo alla mia salute. Ho rispetto per il mio corpo.

Ti chiedi perché non hai mai sentito nulla di simile prima e ti rendi conto che dovrai riesaminare il tuo desiderio di controllare le nascite tramite i metodi contraccettivi ormonali.

 ricercatori

La petizione

Nel giugno 2019, dieci tra medici e ricercatori, che avevano formato un gruppo di studio sui contraccettivi, hanno pubblicato (negli Stati Uniti, N.d.T.) un documento intitolato Petition on Hormonal Contraceptives (Petizione sui contraccettivi ormonali). Questo documento ha esaminato la letteratura esistente e ha sintetizzato gli studi sul controllo delle nascite con i metodi contraccettivi ormonali, al fine di presentare un documento completo che contenesse delle indicazioni sugli effetti collaterali. L’obiettivo del gruppo di studio sui contraccettivi, non era solo quello di informare i potenziali utenti, ma anche quello di presentare una petizione al Governo perché venissero aggiunti i “black box” (avvisi scritti sulla scatola di quei farmaci che possono procurare gravi rischi per la salute, stampati in grassetto e circondati da un bordo nero per questo detti black box, N.d.T.) o simboli di avvertenza sulle scatole dei contraccettivi, e anche perché fossero inclusi degli avvertimenti nelle informazioni per il paziente, in modo che le donne potessero conoscere e comprendere i rischi delle sostanze chimiche che stanno introducendo nei loro corpi. Questo articolo intende offrire una panoramica su alcuni dei principali risultati e informazioni che questo gruppo di studio vuole assolutamente dare a tutti.

I membri del gruppo di studio sui contraccettivi comprendono i danni che i contraccettivi ormonali possono arrecare alle donne, ai bimbi che possono portare in grembo e alle famiglie che le amano. Questa è la ragione per cui hanno intrapreso il difficile compito di leggere, interpretare, compilare e quindi diffondere le informazioni che hanno trovato. In tutto, questa petizione cita 230 fonti esterne, senza contare quelle relative all’impatto ambientale. Questa petizione non è solo un lavoro di amore e compassione per il prossimo, ma funge anche da campanello d’allarme per le persone che inconsapevolmente – o consapevolmente – ingeriscono queste sostanze chimiche dannose.

Milioni di donne utilizzano metodi di controllo delle nascite ormonali o ricevono iniezioni contraccettive senza alcuna idea del veleno che stanno mettendo nei loro corpi. Secondo la petizione, “Sulla base dei dati del Guttmacher Institute, una stima prudente indicherebbe che 11 milioni di donne, di età compresa tra 15 e 44 anni, negli Stati Uniti assume ogni giorno una qualche forma di contraccettivo ormonale. Uno studio del 2015 riporta che circa il 21% delle donne in età riproduttiva sta usando una qualche forma di contraccettivo ormonale, che equivale a circa 13 milioni di donne (Daniels 2015).”

Inoltre, milioni di bambini muoiono quando questi contraccettivi assottigliano il rivestimento della parete uterina, impedendo così al bambino di impiantarsi.

I contraccettivi ormonali sono presenti sul mercato da oltre 50 anni, ma non si potrà conoscere mai la portata della devastazione e delle conseguenze sulla salute che hanno causato. Alcune donne non si rendono nemmeno conto che le cause dei problemi di salute che devono affrontare possono essere causate dalla contraccezione. Se questa petizione avrà successo nel suo intento, le aziende farmaceutiche dovranno rivelare questi effetti collaterali.

La petizione inizia elencando gli effetti collaterali dei contraccettivi estrogeni-progestinici (COC) combinati. Molti sono menzionati nel primo paragrafo sopra. I contraccettivi orali combinati comprendono preparati orali, intravaginali e transdermici. La petizione elenca i nomi di tutti questi marchi in sei pagine.

Secondo il team, i contraccettivi solo progestinici (POC) “non sono stati studiati a fondo, ma un ampio studio di registro (studio osservativo, N.d.T.) ha mostrato un rischio significativamente maggiore di cancro al seno con l’uso di POC”.

Inoltre, l’Agenzia internazionale per la ricerca sul cancro (IARC) classifica i COC come cancerogeni del I gruppo, il che significa che possono causare il cancro nell’uomo.

Raccomandazioni

La petizione chiede che il governo “rimuova dal mercato il contraccettivo iniettabile Depot Medroxyprogesterone Acetate (DMPA; Depo-Provera) sulla base della prova inconfutabile che facilita la trasmissione dell’HIV dagli uomini alle donne”. Raccomanda quindi di aggiungere le avvertenze sulla scatola per le seguenti malattie e disturbi: cancro al seno, cancro al collo dell’utero, malattia infiammatoria intestinale, lupus eritematoso sistemico, depressione e suicidio, trombosi venosa ed eventi cardiovascolari. Inoltre, è necessario aggiungere delle informazioni sulla sicurezza negli annunci pubblicitari e nei materiali informativi per il paziente riguardo la sclerosi multipla, le fratture ossee, gli effetti sulla massa corporea e i problemi urogenitali.

bugiarInnumerevoli donne soffrono degli effetti collaterali della contraccezione ormonale. Innumerevoli donne si sentono ingannate dagli operatori sanitari, dalle aziende farmaceutiche e dalle organizzazioni che promuovono i benefici dei COC. Raramente sentono parlare di questi effetti collaterali, effetti collaterali che possono comparire dopo un uso a lungo termine, dopo alcuni mesi o anche dopo poche settimane.

In concomitanza con la petizione, le persone sono invitate a pubblicare commenti o storie su questo sito al fine di incoraggiare il governo (degli Stati Uniti, N.d.T.) ad aggiungere gli avvertimenti alle etichette dei contraccettivi. Molti di questi commenti fanno riferimento a storie tragiche e strazianti di perdita: perdita della vita, perdita della salute e perdita dell’autonomia.

Potresti chiederti perché molti medici non avvertono le loro pazienti di questi effetti collaterali. Il Dr. Ken Stone offre alcuni spunti:

È prassi comune che i medici non discutano di effetti collaterali significativi dei contraccettivi orali o richiedano un consenso informato. Alcuni colleghi mi hanno detto che non vogliono dire nulla che possa dissuaderle dall’utilizzare la pillola. Gli effetti avversi standard nei foglietti illustrativi per i farmaci contraccettivi prescritti di solito non menzionano quelli più gravi come l’embolo polmonare, l’ictus, il cancro al seno, le malattie del fegato, ecc.

Questa petizione per ritirare alcuni contraccettivi dal mercato, grazie all’elenco degli effetti indesiderati che dovrebbero essere indicati sulla scatola nei contraccettivi prescritti e quelli che necessitano di avvertimenti di sicurezza aggiuntivi nei contraccettivi prescritti, forniscono più dati di ricerca opportuni per esigere le azioni richieste. Come medico di famiglia da 41 anni, credo che lo scandalo di non informare le donne sugli effetti collaterali noti dei contraccettivi sia un’ingiustizia enorme e necessita di una correzione immediata.

I membri del gruppo di studio sui contraccettivi ritengono che il pubblico dovrebbe conoscere la verità. Nelle prossime pagine discuteremo alcuni dei risultati e dei dati presentati in merito a molti dei principali effetti collaterali della contraccezione ormonale. Per leggere la petizione nella sua interezza e per visualizzare l’elenco completo degli effetti collaterali, visitare il sito della petizione.

 

Trasmissione dell’HIV

Depo-Provera, o DMPA, è un contraccettivo iniettabile che viene somministrato trimestralmente. Tuttavia, secondo il gruppo di studio: “Le prove hanno iniziato a emergere negli anni ‘90, diventando convincenti negli ultimi anni, evidenziando che il DMPA è unico tra i contraccettivi per la sua particolarità di facilitare la trasmissione dell’HIV”.

Contraception

Come è possibile?

Secondo la ricerca, il DMPA ha una qualità immunosoppressiva. Si lega al recettore dei glucocorticoidi dei leucociti umani, il che, in parole povere, significa che reprime le risposte immunitarie innate della donna e consente un aumento della replicazione dell’HIV. Pertanto, quando un uomo infetto ha rapporti sessuali con una donna che sta assumendo DMPA, il suo sistema immunitario compromesso non può combattere la malattia.

Per questo motivo, gli autori vogliono che il DMPA venga ritirato dal mercato.

Tumore al seno

Secondo il documento, ogni anno vengono diagnosticati 1,7 milioni di casi di carcinoma mammario. È la forma più comune di cancro tra le donne nei paesi sviluppati e rappresenta il 20% dei tumori nelle donne.

L’Agenzia Internazionale per la Ricerca sul Cancro classifica i COC come cancerogeni del gruppo 1. Ciò significa che possono causare il cancro negli esseri umani. Gli studi hanno a lungo dimostrato il legame tra carcinoma mammario e contraccettivi orali combinati. Il New England Journal of Medicine ha pubblicato un articolo nel 2006 che ha scoperto che i COC aumentano il rischio di cancro al seno. Nello stesso anno, il Mayo Clinic Proceedings (una rivista medica sponsorizzata dalla Mayo Clinic) ha pubblicato una meta-analisi che confermava i risultati secondo cui i COC aumentano il rischio di carcinoma mammario in premenopausa.

Secondo il Contraceptive Study Group, “Gli studi, che hanno esaminato l’uso recente (entro 1-5 anni) o attuale di contraccettivi orali combinati nelle donne in premenopausa, hanno mostrato il più drastico aumento del rischio di carcinoma mammario”. Lo studio più significativo ha scoperto che le donne di età compresa tra i 20 e i 49 anni che avevano usato i contraccettivi orali combinati “entro un anno avevano un rischio maggiore di cancro al seno”.

Anche altri studi rafforzano questi risultati. La maggior parte ha scoperto che le donne che hanno usato i contraccettivi orali combinati per un anno o più avevano un rischio maggiore di avere un cancro al seno. Uno studio danese ha scoperto che i rischi di una donna aumentavano anche dopo aver interrotto l’uso, nel caso in cui avesse usato i COC per cinque o più anni.

Il sito tra i commenti riporta molte storie di donne che hanno avuto il cancro al seno e dei medici che le hanno curate. Tra questi ci sono:

Anthony Vigil, MD, FACS, che afferma:

Come chirurgo, io e i miei collaboratori chiediamo, alle nostre pazienti affette da cancro al seno, informazioni sull’uso delle OCP [pillole contraccettive orali], poiché i nostri migliori libri di testo sul cancro descrivono un aumento del rischio di cancro al seno con l’uso delle OCP. È un imperativo etico che le donne siano rese consapevoli dei rischi che corrono nell’ingerire ormoni.

Anna Poynter dice:

A 31 anni, trovai un piccolo nodulo al seno. Andai da più di un medico, ma l’ultimo che vidi fu il capo dell’UCSD Cancer Institute, dottor Barone, a San Diego, dove vivevo in quel momento. Mi disse che era piccolo, mobile e io non avevo alcun dolore, ma che dovevo liberarmi della pillola. 19 anni dopo quello stesso nodulo è cresciuto ed è diventato maligno, e ho finito per fare una mastectomia.

Un’utente anonima afferma:

“Recentemente mi è stato diagnosticato un cancro al seno; ho preso la pillola per 10 anni”.

Gli autori dello studio in questione propongono di inserire un avvertimento sulla scatola dei COC, insieme alle avvertenze relative al paziente, in modo che le donne comprendano i rischi a cui vanno incontro.

Cancro al collo dell’utero

Secondo la ricerca, circa 260.000 donne negli Stati Uniti hanno il cancro collo dell’utero. L’American Cancer Society  afferma che ci saranno circa 14.000 nuovi casi solo quest’anno. Lo studio ha dimostrato che c’è un aumento del rischio di cancro al collo dell’utero associato ai COC e che il rischio aumenta per le donne che attualmente assumono i contraccettivi ormonali. Inoltre, il rischio aumenta con la durata dell’assunzione dei COC da parte della donna.

Il rischio aumenta anche se la donna è risultata positiva all’HPV, il papilloma virus.

Gli autori suggeriscono che venga posto sia un segno di avviso sulla confezione, che un avvertimento sul materiale informativo interno per il paziente.

Depressione, disturbi dell’umore, suicidio

 Secondo il gruppo di studio, “Il più grande studio che riguarda i casi di depressione e l’uso dei farmaci antidepressivi (Skovlund 2016) indica rischi significativamente maggiori sia per chi assume i COC che per chi prende i POC con entrambe le conseguenze. Lo stesso gruppo ha svolto uno studio anche sui tentativi di suicidio e sui suicidi (Skovlund 2018). Sono stati osservati rischi elevati, sia riguardo l’uso dei COC che per i POC. Il recente studio NCHA (Gregory 2018) ha mostrato una tendenza simile”.

Lonely sad woman deep in thoughts sitting daydreaming or waiting for someone in the living room with a serious expression, she is pensive and suffering from insomnia sitting on couch

Gli autori affermano che la loro ricerca ha mostrato un “aumento del rischio di depressione, rischio di suicidio e suicidio entro 3 mesi dall’inizio dell’uso dei farmaci e un calo dopo 6 mesi, in parte a causa dell’attenuazione dei sintomi, in parte a causa dell’interruzione dell’assunzione del farmaco dovuta agli effetti negativi”.

La sezione dei commenti del sito web dipinge un quadro lugubre e offre prove del fatto che questi ormoni causano nuovi problemi di salute mentale e aggravano quelli esistenti o latenti.

Julie Baltz, un medico di famiglia che pratica la medicina da oltre 20 anni, afferma di aver visto il danno psicologico causato dai contraccettivi ormonali. Ha scritto:

Ancora più sottili e sottostimati sono gli effetti psicologici. Questi pazienti dichiarano semplicemente “Non mi sentivo bene” e spesso pensano che ci sia qualcosa che non va in loro che non tollerano questo tipo di trattamento. Ho visto nel mio studio insonnia, ansia, depressione, anedonia (l’incapacità patologica di percepire piacere in ogni sua forma, N.d.T.), anoressia e scarsa libido, migliorate direttamente interrompendo l’assunzione della pillola anticoncezionale.

Un’altra persona, nota solo come TF, ha scritto:

Nel 2011 mi è stato prescritto il contraccettivo ormonale per “correggere” un ciclo molto irregolare. Tre mesi dopo ho iniziato a lottare con una stanchezza invalidante, perdita di appetito e disinteresse per tutto tranne che per dormire. Poco dopo mi è stato diagnosticato un disturbo depressivo maggiore, e ancora oggi devo andare in terapia per rimanere efficiente. Faccio ancora fatica con i miei livelli di energia, sfortunatamente i farmaci non possono curare la depressione e farla scomparire. Il mio medico e io crediamo entrambi che il contraccettivo ormonale sia stato probabilmente un fattore scatenante di una predisposizione al disturbo depressivo maggiore.

Una donna che desidera rimanere anonima ha dichiarato:

All’età di vent’anni mi hanno prescritto le pillole anticoncezionali. Durante il primo ciclo ho preso le pillole come prescritto. Ho iniziato a sentirmi depressa, ansiosa, piangevo ogni giorno, avevo sbalzi d’umore. Prima di iniziare a prendere le pillole contraccettive, non avevo nessuno di questi sintomi. Dopo aver completato le prime 2 settimane del pacchetto di farmaci, ho chiamato il medico curante presso la clinica OB / GYN dove inizialmente avevo ricevuto la prescrizione. Mi ha detto che gli sbalzi d’umore, la depressione e l’ansia nello stare tra gli altri, non potevano essere dovuti ai nuovi farmaci, che doveva essere solo un problema esistenziale. Mi ha sostituito la dose della pillola contraccettiva con una dose più bassa. Dopo tre settimane di assunzione del secondo pacchetto prescritto, come indicato, ho deciso di interrompere l’uso dei contraccettivi orali a causa degli effetti collaterali. Ero ingrassata 15 chili e mi sentivo malissimo.

woman-standing-on-scale-e1587156177669

Il sito è pieno di storie di persone che hanno sofferto – mentalmente e fisicamente – a causa di questi farmaci. Gli autori richiedono un avvertimento sulla scatola per questi effetti collaterali e nelle avvertenze del foglietto illustrativo per il paziente.

Massa corporea

Mentre gli studi sono diversificati per quanto riguarda l’aumento di peso nelle donne che usano i contraccettivi orali, i dati più significativi hanno dimostrato che i dispositivi intrauterini a rilascio di levonorgestrel influiscono, di fatto, sulla massa corporea. Gli autori hanno affermato che “in entrambi gli studi in cui sono stati presi in esame” è stato osservato un aumento significativo della percentuale della massa grassa con una corrispondente riduzione della percentuale della massa magra”.

Le donne hanno trovato questo effetto collaterale fin troppo vero. Ad esempio, una donna che desidera rimanere anonima ha detto:

Quando stavo prendendo la pillola (HBC) sono ingrassata terribilmente. Da 54 kg a 70 kg. Aggiungendo quasi il 30% al mio peso corporeo! Ho anche sofferto di forti crampi allo stomaco, disagio costante, costipazione e diarrea. Il mio medico fece una diagnosi di sindrome del colon irritabile. Ho preso la pillola solo per 8 mesi e sono rimasta incinta mentre la prendevo. Ho smesso di prenderla in gravidanza e non ho mai più toccato quella roba!

Gli autori ritengono che tutti i materiali informativi e la pubblicità relativi al farmaco per i pazienti (tramite stampa, radio, ecc.) debbano riportare i dati riguardo questo rischio.

Effetti urogenitali (urinario e genitale)

Gli autori hanno trovato prove di diversi tipi di problemi urogenitali nelle donne. Questi includono cistite interstiziale (una condizione che causa dolore e pressione alla vescica), infezioni batteriche, infezioni del tratto urinario, candidosi vulvovaginale, secchezza vaginale, disfunzione sessuale femminile e altro ancora. Dichiarano che il rischio aumenta per le adolescenti e se la donna usa la pillola per almeno due anni.

Una donna che desidera rimanere anonima ha avuto tutta una serie di problemi, incluso l’urogenitale. Lei ha detto:

I miei genitori mi hanno fatto assumere un anticoncezionale quando avevo solo 15 anni dopo un episodio di violenza sessuale. Poi ho continuato per altri 5 anni prima di iniziare a metterlo in discussione. In quel lasso di tempo ho sperimentato un aumento e una perdita di peso estremi passando da una pillola all’altra, mi è stato diagnosticato un disturbo bipolare a causa della mia depressione maniacale e di gravi sbalzi d’umore (non sono bipolare), ho avuto un aborto spontaneo, ho sviluppato cisti al seno, ho avuto continui sintomi di gravidanza (tra cui la nausea mattutina ogni giorno), e ho avuto frequenti infezioni delle vie urinarie e infezioni causate da lieviti. Nessuno ha mai associato nessuno dei miei problemi, a parte le cisti del seno, alle pillole anticoncezionali. Solo quando ne ho interrotto l’uso, una volta appreso delle cisti, ho iniziato a sentirmi normale e mi sono resa conto della relazione tra i miei sintomi e la pillola.

Gli autori ritengono che tutti i materiali informativi e la pubblicità relativi al farmaco per i pazienti (tramite stampa, radio, ecc.) debbano riportare i dati riguardo questo rischio.

 

Tromboembolia venosa, aterosclerosi ed eventi cardiovascolari

Tromboembolia venosa

TROMBOEMBOLIAUna tromboembolia venosa (o TEV) è una condizione in cui un coagulo di sangue si forma in una vena, il più delle volte nella gamba, nel braccio o nell’inguine, e poi si deposita nel polmone. Si tratta di un problema di salute estremamente pericoloso che può causare la morte. Anche il sito web dell’American Heart Association concorda sul fatto che i contraccettivi orali combinati possono causare una TEV: “Nelle donne, anche la gravidanza e l’uso di ormoni come contraccettivi orali o estrogeni per i sintomi della menopausa possono svolgere un ruolo importante”.

I commenti relativi a questo effetto collaterale riguardano tragedie che hanno colpito alcune donne e le loro famiglie a causa della contraccezione ormonale. Ad esempio, Carol Pepin ha scritto sulla perdita di sua figlia:

Mia figlia di 19 anni Shelby Pepin. . . è morta. Shelby era molto atletica, non fumava e non aveva precedenti malattie del sangue. Il rapporto del medico legale ha confermato che Shelby è morta per embolia polmonare. Aveva una TVP [trombosi venosa profonda] dietro il ginocchio sinistro che viaggiava verso i suoi polmoni che ha causato la sua embolia bilaterale. Il medico legale ha anche confermato che la sua TVP è stata causata dalle pillole anticoncezionali NuvaRing. Shelby assumeva il NuvaRing da 18 mesi.

Joseph West ha una storia simile:

Nostra figlia è morta all’età di 29 anni nell’unità di terapia intensiva dell’ospedale locale dove era stata trasferita dopo essersi presentata nell’ambulatorio di zona. La sua morte è avvenuta cinque settimane dopo il matrimonio e un giorno prima della partenza programmata di una crociera per la luna di miele posticipata. Il rapporto dell’autopsia affermava che aveva “tromboemboli polmonari bilaterali” con un trombo nella fossa poplitea sinistra [che] era stato rimosso presso l’ambulatorio prima del trasporto in ospedale…. Stava assumendo NuvaRing al momento della sua morte… Il medico [ICU] ha dichiarato di ritenere che la pillola anticoncezionale abbia contribuito in modo significativo alla morte di nostra figlia.

Kimberly Phipps-Nichol ha condiviso la sua storia personale di sopravvissuta:

L’anno scorso, a 46 anni, sono stata ricoverata in ospedale con una trombosi cerebrale che è stata letteralmente scoperta prima di causare un ictus. I dottori del Pronto Soccorso mi hanno detto che se non fosse stato per il fatto che le persone con cui ero al momento dell’evento fossero state preparate per riconoscere i segni dell’ictus e non avessero chiamato il 911 chiedendo un’unità paramedica per l’ictus che è arrivata rapidamente, ora mi troverei tra uno stato vegetativo o una grave disabilità. Dopo innumerevoli TAC e risonanze magnetiche, insieme a uno studio approfondito della mia storia familiare, i team di neurologi ed ematologi hanno determinato che erano i contraccettivi orali che stavo prendendo che avevano causato la trombosi.

Un medico di famiglia anonimo afferma di aver visto in prima persona gli effetti collaterali negativi dei contraccettivi e racconta diversi casi, incluso il trattamento di una giovane donna di circa 20 anni che è andata in coma, a causa di un’embolia polmonare. L’unico fattore di rischio noto era che questa donna stava assumendo la pillola. Inoltre, una dottoressa collega di questo medico, ha avuto un’embolia polmonare attribuita alla pillola anticoncezionale.

Nancy Brockoff ha scritto per riferire che aveva quattro amiche, tutte giovani madri, che sono morte di coaguli di sangue legati alla pillola.

Aterosclerosi e malattie cardiache

L’aterosclerosi è una malattia delle arterie causata dalle placche. Le arterie ostruite dalle placche portano a problemi cardiaci. Già nel 1982, i ricercatori hanno capito e si sono interessati al fatto che malattie vascolari e contraccettivi orali fossero collegati. Secondo la petizione, questi ricercatori “hanno scoperto che i contraccettivi orali combinati (COC) hanno causato ‘maggiore proliferazione e incorporazione cellulare … sia nelle cellule muscolari lisce delle arterie umane che nei fibroblasti dermici’. La proliferazione delle cellule muscolari lisce è una caratteristica integrale di tutte le lesioni aterosclerotiche (Bagdade 1982). Nel 2007, una presentazione alla riunione dell’American Heart Association ha descritto uno studio su 1.301 donne belghe, che ha dimostrato che le donne avevano un aumento del 20-30% delle placche per ogni dieci anni di uso di COC (Rietzschel 2007)”.

Inoltre, la Danish Heart Association “ha pubblicato i risultati di uno studio di coorte retrospettivo di 15 anni che esamina l’ictus trombotico e l’infarto del miocardio, che ha analizzato oltre 1,6 milioni di donne. I risultati hanno dimostrato che le donne che assumevano contraccettivi orali combinati con etinilestradiolo ad una dose di 20 [microgrammi] correvano un rischio di trombosi arteriosa che era 0,9-1,7 volte superiore rispetto quelle che non li prendevano, mentre quelle che assumevano una dose da 30 a 40 [microgrammi] andavano incontro a un rischio maggiore da 1,3 a 2,3” (Lidegaard 2012).

L’attuale avvertenza stampata sulla confezione del farmaco riguardo gli eventi trombotici menziona il fumo e l’età, cosa che secondo gli autori induce in errore la consumatrice facendole pensare di essere al sicuro se non fuma o se ha meno di 35 anni. Richiedono che l’avviso sia modificato così: “Avvertenza: aumenta il rischio di gravi eventi cardiovascolari tra cui coaguli di sangue”. Inoltre, richiedono avvisi su tutte le pubblicità e i materiali informativi per il paziente.

Ambiente

Gli ormoni sintetici che le donne assumono vengono continuamente eliminati dai loro corpi attraverso l’urina e le feci. Quando i ricercatori hanno notato cambiamenti nell’ambiente acquatico, specialmente nei pesci, hanno iniziato a condurre studi per determinare la causa di questi cambiamenti. Ciò che hanno trovato li ha stupiti.

Il gruppo di studio sui contraccettivi ha spiegato:

L’EE2 [l’estrogeno etinilestradiolo sintetico] viene metabolizzato nel fegato in fase di metabolismo di primo passaggio, ma ~ 6% della dose somministrata appare come EE2 non trasformato nelle urine e ~ 9% nelle feci (Stanczyk 2013)…. Anche a basse concentrazioni, questi composti possono agire come potenti interferenti endocrini, influenzando la crescita, lo sviluppo e la riproduzione degli organismi acquatici esposti (Tyler 1998, Larsson 1999).

Mentre gli impianti di trattamento delle acque reflue hanno la capacità di filtrare molti prodotti chimici e inquinanti, non possono filtrare l’EE2.

flayfishing-4685961_960_720Gli studi hanno scoperto che questi prodotti chimici di sintesi causano cambiamenti nel pesce maschio. Un documento del 1995 ha scoperto che i pesci maschi in quasi 30 fiumi in Gran Bretagna erano stati “femminilizzati” da queste sostanze inquinanti.

Il gruppo di studio sui contraccettivi ha anche fatto riferimento a uno studio di sette anni sugli effetti dell’EE2 sui laghi canadesi. In quello studio, i ricercatori hanno fatto una stima approssimata della quantità di EE2 che raggiungerebbe i corsi d’acqua da una città di 200.000 persone. Hanno osservato immediatamente la femminilizzazione e dei mutamenti di sesso dei pesci maschi e una “quasi estinzione” della popolazione dei pesciolini. Una volta che i ricercatori hanno smesso di aggiungere EE2 all’acqua, la popolazione di pesciolini è tornata alla normalità.

Troviamo ulteriori prove in uno studio che ha esaminato le popolazioni di pesci vicino a tre impianti di depurazione nel Colorado. Lì, i ricercatori hanno trovato una differenza significativa tra i pesci a monte dell’impianto e quelli a valle. Essi hanno dichiarato:

I pesci nelle località a monte godevano di un rapporto equilibrato di 1:1 tra sesso femminile e maschile. A valle c’erano cinque pesci femmina per ogni maschio, e il venti per cento della popolazione maschile superstite mostrava caratteristiche intersessuali, come le uova nei testicoli e la presenza di vitellogenina, una proteina del tuorlo d’uovo che si trova normalmente solo nelle femmine fertili. Le conseguenze sono sembrate riconducibili alla catena alimentare in modo misurabile, in particolare la femminilizzazione di trote, rane visone e rane verdi (Parke 2009). Sia le concentrazioni previste che quelle misurate di EE2 negli Stati Uniti, compresi gli scarichi degli impianti di trattamento delle acque reflue, delle acque superficiali o delle acque sotterranee, superano le concentrazioni considerate senza effetto sulle popolazioni di pesci (Kostich 2013).

Conclusioni

Oltre a queste malattie e all’inquinamento ambientale, i costi economici derivanti da questi effetti collaterali e dalle conseguenti malattie/problemi di salute per il paziente e la comunità sono stimabili in miliardi.

Questo articolo ha toccato alcuni degli effetti collaterali più eclatanti. Per leggere l’elenco completo degli effetti collaterali e gli studi citati, per leggere tutti i commenti o per aggiungere il proprio commento, visitare il sito www.regulations.gov.

Questa crisi sanitaria colpisce tutti noi. Che tu sia maschio o femmina, anziano, di mezza età, giovane, madre o padre, il controllo ormonale delle nascite influisce in qualche modo sulla tua vita perché questi ormoni colpiscono le vostre mogli, le vostre madri, le vostre sorelle, i vostri cugini, i vostri migliori amici, l’ambiente e persino il vostro tavolo da pranzo. È tempo di parlare e dire al governo che le donne devono conoscere la verità. È tempo di aiutare le donne a capire che la loro salute è più importante di un farmaco che può alterare il loro corpo e la loro mente. Gli ormoni sintetici e i loro effetti deleteri lasciano un impatto duraturo e devastano la nostra società.

Ciancio
Susan Ciancio
facebooktwittermail

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *